24 luglio 2022 - XVII domenica del Tempo Ordinario

Lc 11, 1-13 Dal Vangelo secondo Luca

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: "Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli". Ed egli disse loro: "Quando pregate, dite:

"Padre,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno;

dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,

e perdona a noi i nostri peccati,

anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,

e non abbandonarci alla tentazione"".

Poi disse loro: "Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: "Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli"; e se quello dall'interno gli risponde: "Non m'importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani", vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.

Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!".


Parola del Signore.

Lode a Te o Cristo.


Signore, insegnaci a pregare...

SE UNO DI VOI HA UN AMICO …

Che grande ricchezza il Vangelo di questa domenica, che ci immerge nel cuore del Padre. Siamo in estate: magari qualcuno sta partendo per le vacanze, oppure è appena tornato, o magari non può permettersi di andarci, ma penso che un tuffo così profondo come quello che Gesù oggi ci dona di fare, sia un’occasione da non perdere! Sì, un tuffo nel cuore del Padre. Gesù per prima cosa insegna il Padre nostro, sollecitato dai suoi discepoli perché insegni loro a pregare. Ma poi, quasi a volercene dare qualche pennellata, racconta dell’amico importuno, quello che a mezzanotte va a scocciare un suo amico perché gli dia qualche pane. Se tra noi, amici, sappiamo scomodarci per fare un favore a qualche amico, quanto più il Padre misericordioso, che Gesù è venuto a rivelarci, non farà per noi quanto gli chiediamo?

E se anche non lo facciamo in nome dell’amicizia, Gesù ci assicura che lo facciamo per l’insistenza di qualcuno. Così anche il cuore del Padre non può resistere alle richieste dei figli. Questo è ciò che Gesù oggi desidera comunicarci. Infatti, prosegue con gli esempi del pesce e dell’uovo, che i padri di questo mondo desiderano dare ai propri figli: quanto più il Padre allora darà lo Spirito a quelli che glielo chiedono.

Non so se vi sia mai capitato di incontrare una persona veramente mossa dallo Spirito di Dio, una persona di preghiera, anche una mamma di famiglia, che si lascia illuminare e guidare dalla sua fede. Magari non l’abbiamo incontrata di persona, ma ne abbiamo sentito parlare, abbiamo letto qualcosa, ascoltato qualche racconto che ci ha edificato. Abbiamo in qualche modo ricevuto una sua eredità. Ebbene, se tutto questo non ci fosse ancora capitato, oppure se non ce ne fossimo accorti pur avendola incontrata, proviamo a scovarla. Perché questi sono veri amici! E Gesù oggi è un po’ come se ci parlasse del Padre come un amico sul quale possiamo contare sempre, anche a mezzanotte, quando nel cuore della notte ci assalgono le preoccupazioni, gli affanni della vita, qualcosa ci turba e ci ruba il sonno.

La nostra preghiera possa davvero diventare insistente, perché abbiamo un Padre che è attento a noi, ci assicura Gesù. Che anche noi possiamo diventare attenti a Lui, alla sua presenza, alla sua parola. Il Padre ci darà lo Spirito: non sia questo relegato solo al tempo pasquale, alla festa di Pentecoste, ma ci sia donato di riscoprire la vita, la forza dello Spirito proprio nella nostra ordinarietà, anche nella ferialità di questo tempo di vacanze! Bussiamo e ci sarà aperto! Tuffiamoci nel cuore del Padre, insieme a Gesù!


Sr Anna Maria

pubblicato sulla Gazzetta d'Asti


23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti