15 agosto 2020 - Assunzione della Beata Vergine Maria, Solennità

Solennità dell’Assunzione della beata Vergine Maria, Madre di Dio e Signore nostro Gesù Cristo, che, completato il corso della sua vita terrena, fu assunta anima e corpo nella gloria celeste. Questa verità di fede ricevuta dalla tradizione della Chiesa fu solennemente definita dal papa Pio XII.


Colei, che fu data in sposa dal Padre, non poteva che trovar dimora nelle sedi celesti. Doveva contemplare il suo Figlio nella gloria alla destra del Padre, lei che lo aveva visto sulla croce, lei che, preservata dal dolore, quando lo diede alla luce, fu trapassata dalla

spada del dolore quando lo vide morire. Era giusto che la Madre di Dio possedesse ciò che appartiene al Figlio, e che fosse onorata da tutte le creature come Madre ed ancella di Dio».

Dalla Costituzione Apostolica «Munificentissimus Deus» di Pio XII, papa




Lc 1, 39-56 Dal Vangelo secondo Luca


In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda.

Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo.

Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto».

Allora Maria disse:

«L'anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva.

D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto per me l'Onnipotente

e Santo è il suo nome;

di generazione in generazione la sua misericordia

per quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva detto ai nostri padri,

per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

Parola del Signore.

... beata colei che ha creduto ...

La Chiesa celebra in questo giorno la festa dell'assunzione di Maria al Cielo! Che bello! "Chi è costei che sorge come aurora?" (Cantico dei Cantici 6,10). E' Maria, la Madre di Gesù, il Figlio di Dio. Bella e tutta gloriosa, la Vergine Maria passa da questo mondo al Padre, a Cristo e splende tra i santi come il sole tra gli astri. Godono gli Angelo, si rallegrano gli Arcangeli per l'esaltazione di Maria al cielo, e oggi "tutto canta e grida di gioia".

Nella Sacra Scrittura troviamo un bel testo che la tradizione applica a Maria: "Io sono la madre del bell'amore e del timore, della conoscenza e della santa speranza" (Sir 24,18) Ecco, nulla si fa senza speranza, soprattutto nella speranza del Cielo. Ogni volta che in noi rinasce il germoglio della speranza è come un miracolo, e tutto diventa pieno di gioia, come preghiamo nella Salve Regina. La festa dell'Assunta è l'estasi della storia e qui la Santa Madonna ci riempia il cuore di pace. Invochiamo Maria senza tregua in mille modi, ogni giorno, cantando nei Vespri il suo intramontabile Magnificat!

Sr. Maria del Buon Consiglio


32 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube