9 maggio 2020 - sabato della IV settimana di Pasqua

Aggiornato il: mag 22


Gv 14, 7-14

Dal Vangelo secondo Giovanni


In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: «Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».

Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».

Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: "Mostraci il Padre"? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.

In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

Parola del Signore.


Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.

Gesù disse: “Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio. … Chi ha visto me, ha visto il Padre. … io sono nel Padre e il Padre è in me.” (Gv 14,7ss).

S. Ilario dice: “Tutti siamo una cosa sola, perché il Padre è in Cristo, e Cristo è in noi” (cfr ‘Sulla Trinità’). Gesù è il Figlio ed è una cosa sola con il Padre , è il dono del Padre, è la manifestazione del Padre che dona, e dona il Figlio e nel Figlio dona Sé stesso. “Noi siamo uniti a Cristo che è inseparabile dal Padre. Ma pur rimanendo nel Padre resta unito a noi” (S. Ilario). Il Figlio dimostra con la sua vita, l’amore immenso e misericordioso del Padre, che non vuole perdere nessuna delle sue creature, ma a tutti dona la possibilità di ritornare a Lui, il Padre, nel Figlio.

Lo Spirito Santo illumini gli occhi del nostro cuore perché ci sia dato di ‘vedere’ nel Figlio Gesù, Crocifisso e Risorto, il Volto del Padre: Dio di grazia e di misericordia.

Maria, Figlia del Padre, Madre del Figlio, Sposa dello Spirito Santo, ce lo insegni.

Deo gratias!

Sr. Maria Antonietta.

23 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube