5 dicembre 2020 - sabato della I settimana di Avvento

Aggiornato il: 6 dic 2020

Mt 9, 35-10,1.6-8 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.

Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».

Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità.

E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d'Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».

Parola del Signore.

Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d'Israele.

In questo Vangelo ci viene narrata una giornata-tipo di Gesù, maestro itinerante, annunciatore della buona novella che si china a guarire ogni malattia e infermità. Si realizza la profezia di Isaia capitolo 61: Lo spirito del Signore Dio è su di me, perchè il Signore mi ha consacrato con l'unzione, mi ha mandato a portare il lieto annunzio ai miseri, a fasciare le piaghe, a proclamare l'anno di misericordia del Signore, per consolare e allietare ... C'è tutto un susseguirsi di verbi che indicano un crescendo di interventi del divino Messia con i tratti della compassione, una compassione a un tempo divina e umana, perchè questo Messia, nella pienezza dei tempi, Figlio di Dio, si è incarnato figlio dell'uomo. Il Vangelo odierno ci dice appunto che Gesù "vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore". Il suo non è un sentimento vago, a livello epidermico, ma è un fremito di compassione che percorre tutta la sua Persona divino-umana e si esprime in operatività di amore: l'invito ai discepoli a pregare il Padrone della messe, l'invio in missione dei dodici discepoli precisamente per operare come Egli opera, non senza la sua grazia. IN questo senso va la raccomandazione finale: "Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date". Anche oggi, come allora, i cristiani sono un piccolo gregge senza pastore; anche oggi dobbiamo pregare il Signore della messe, perchè mandi operai nella sua messe; anche oggi il Signore chiama alla sua sequela, ma la sordità dovuta ai tanti "rumori" e sollecitazioni mondane, non favorisce l'ascolto della voce del Signore. Signore Gesù, rendici più attenti alla tua Parola, che sempre ci rivolgi anche attraverso i tuoi ministri, attraverso diverse cause seconde che possono essere e sono autentici segni di chiamata, se sappiamo leggerli. Colma i nostri cuori di compassione per le molte persone che soffrono e che attendono chi dica loro una parola di caldo amore compassionevole, la comprensione, il perdono sacramentale, luci per vedere tutto nella tua Luce. Amen

Sr. M. Liliana

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube