28 febbraio 2021 - II domenica di Quaresima

Aggiornato il: apr 11

Mc 9, 1-9 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.

Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù. Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l'amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.

Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell'uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

Parola del Signore.


... mentre scendevano dal monte ...

Quando ero adolescente, in occasione della II domenica di Quaresima, ogni anno il nostro vice-parroco diceva, alla “Messa dei giovani” in Parrocchia: Oggi c’è il Vangelo della Trasfigurazione, perché il Signore vuole incoraggiarci. Questo mi è rimasto sempre impresso, tanto che oggi, a distanza di tanti anni, lo ricordo ancora. È vero, abbiamo trascorso la prima settimana di Quaresima, ci sembra così lungo il cammino e distante la meta della Pasqua, anche della nostra Pasqua personale, tanto sentiamo forte la lotta. E allora tiriamo il fiato! Ci immergiamo sul Tabor a contemplare la gloria del Signore, ad ascoltare la sua voce, la sua Parola che sempre ci rinfranca. Come sarebbe bello se questa tappa della Quaresima ci riempisse i polmoni d’aria, il cuore di speranza, le mani di coraggio, la mente di audacia … e gli occhi della luce dello Spirito, che fa vedere tutto in una prospettiva nuova! La Trasfigurazione di Gesù non è per atterrirci, per spaventarci, per confonderci, ma per ridonarci la speranza, per riaccendere in noi il vigore della fede, per farci rialzare lo sguardo verso ciò che davvero conta.

Il Padre fa udire la Sua voce: Questi è il Figlio mio, l’amato, ascoltatelo! Ed è curioso pensare che al momento della morte in Croce sarà un centurione, un romano, a riconoscere che quell’uomo è veramente figlio di Dio. Proprio questo Gesù, che ora appare in tutto il suo splendore e lo fa pregustare ai suoi discepoli, verrà abbruttito dai flagelli, dagli sputi, appesantito dalla croce, colpito dalla lancia, fino ad esalare l’ultimo respiro. Ma la morte di croce non spegnerà la sua gloria, ora preannunziata.

Il Santo Cottolengo era infuocato di speranza. Ci sono tante testimonianze, raccolte nei Processi, che parlano proprio di questo. Vorrei proporvene un paio, in particolare. “Il Servo di Dio possedeva pure eminentemente la virtù Teologale della speranza, e si può dire che questa virtù era caratteristica in lui. Si osservava che egli nutriva una ferma fiducia di conseguire la vita eterna pei meriti di Nostro Signore Gesù Cristo, e animato da questa ferma fiducia si esercitava nelle opere buone, in cima alle quali egli vi metteva sempre il primo suo pensiero, la gloria di Dio; il suo timore era sempre di non avere abbastanza viva la confidenza in Dio …”. “Questa confidenza procurava pure di accenderla in modo ardentissimo negli altri specialmente nei ricoverati; e quando parlava della speranza e della confidenza in Dio tanto ne' suoi discorsi famigliari, quanto nelle sue prediche, si mostrava infuocato in volto, ed animato dal desiderio di imprimere negli uditori questa virtù in modo che non vi mancassero mai”.

La Trasfigurazione di Gesù trasfigura anche noi! Allora, facciamo “il pieno” di speranza, facendo memoria della Trasfigurazione del Signore lungo la settimana, di fronte alle inevitabili cadute che ci attendono. Così non ci scoraggeremo nel cammino, anche se in salita!

Sr. Anna Maria

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti