23 maggio 2020 - sabato della VI settimana di Pasqua

Aggiornato il: mag 28


Gv 16, 23-28 Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.

Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l'ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.

Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».

Parola del Signore.


... il Padre stesso infatti vi ama ...

Per meditare e contemplare il mistero dell'Ascensione, a cui vuol prepararci il Vangelo di oggi, ci è necessario ricordare le parole di Paolo: "Colui che discese è lo stesso che anche ascese per riempire tutte le cose". La discesa del Figlio di Dio nel nostro mondo umano è stato un abbassamento incredibile, che gli ha fatto assumere la nostra condizione umana fino ad essere con noi, per noi, in noi. Dice Gregorio di Nissa: "divenuto carne e sangue fa' parte di noi". Di più: nel mistero della croce Egli ha accettato di essere calpestato dagli uomini e di vedere rifiutato il suo amore. Ma Egli non ha fallito: nel vertiginoso sprofondare del Figlio dell'uomo il mondo è contemporaneamente entrato in Lui e in ciò consiste la sua vittoria. "Ora lascio il mondo e vado al Padre": mi presento davanti a Lui nell'offerta del mio Sangue per intercedere per coloro che l'hanno versato. Dice Gesù: "Ora lascio il mondo che ho amato, che ho assunto, che ho perdonato, che ho redento e lo presento al Padre nella mia stessa carne di Figlio di Dio".

Ora abbiamo un intercessore nei cieli, e così la certezza che la nostra preghiera raggiunge il cuore del Padre. Pregare nel suo Nome significa ricordare con gratitudine quanto ha fatto per noi e rinnovare la fiducia che non ci negherà quanto ci è ancora necessario. Come diceva il Santo Cottolengo: "Se Dio ci ha dato il più che è il suo Figlio, come ci negherà il meno che è il Paradiso?"

sr Maria Daniela

32 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube