top of page

23 gennaio 2022 - III Domenica T.O.

Lc 1, 1-4; 4, 14-21 Dal Vangelo secondo Luca

Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch'io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza, fin dagli inizi, e di scriverne un resoconto ordinato per te, illustre Teòfilo, in modo che tu possa renderti conto della solidità degli insegnamenti che hai ricevuto.

In quel tempo, Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode.

Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:

"Lo Spirito del Signore è sopra di me;

per questo mi ha consacrato con l'unzione

e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,

a proclamare ai prigionieri la liberazione

e ai ciechi la vista;

a rimettere in libertà gli oppressi

e proclamare l'anno di grazia del Signore".

Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all'inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: "Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato".

Parola del Signore.

Lo Spirito del Signore è sopra di me...

Sono tutt’orecchi

Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. Allora cominciò a dire: «Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi» (Lc 4,21).

L’orecchio, questo sconosciuto! Oggi, nella terza Domenica del Tempo Ordinario, dedicata in modo speciale alla Parola di Dio, il nostro sguardo viene ricentrato su questo organo essenziale (anzi, vitale!) del corpo umano. Quanto lo diamo per scontato… Se ci pensiamo, privilegiamo di gran lunga appropriarci della realtà circostante attraverso gli occhi, perché con la vista possiamo illuderci di controllare e possedere tutto e subito: ne deriva tutta l’odierna industria dell’immagine, delle narrazioni cinematografiche, della pubblicità, degli slogan, della messaggistica istantanea, degli emoji… all’udito rimane la consolazione del sottofondo musicale, del quale spesso non ci accorgiamo.

Perché questa discriminazione? Perché se l’occhio può essere paragonato ad un’autostrada dalle corsie sgombre, l’orecchio assomiglia più a un sentiero di montagna. L’ascolto, infatti, richiede maggiore fatica, pazienza, esige il vuoto dell’accoglienza e momenti di riposo. Richiede di fermarsi e interiorizzare quello che si è udito, di ruminarlo, cioè di masticarlo in continuazione come fanno i bovini con il cibo, di riflettere con calma. Persino il silenzio necessita dell’ascolto per essere vissuto in pienezza, senza paura. L’orecchio è il vero canale della contemplazione, non l’occhio. Per questo motivo Dio ha scelto di consegnarci in dono la Sua Parola: non per usarla come fermacarte, ma per incontrarlo autenticamente, lasciandoci la libertà di accoglierlo o rifiutarlo. Se Lo vedessimo adesso, con i nostri occhi, nel Suo splendore, come quando Gesù si trasfigurò sul monte o apparve Risorto ai discepoli, saremmo forse liberi di desiderare l’incontro con Lui? No, anzi: o vorremmo esserne schiavi (mentre Lui ci vuole figli), oppure penseremmo di avere esaurito la conoscenza su di Lui e, come Lucifero, Lo rifiuteremmo.

Ricordiamo cosa scrive San Paolo: E se l'orecchio dicesse: «Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo», non per questo non farebbe più parte del corpo. Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l'udito? (1Cor 12,16). Passare dall’occhio all’orecchio è un esercizio impegnativo, ma i suoi frutti sono di una dolcezza senza pari. Partiamo dalle piccole attenzioni: per esempio, durante la proclamazione della Parola nella Santa Messa, anche se vien più istintivo sbirciare il foglietto o la borsa all’ultima moda della vicina di banco, proviamo a chiudere gli occhi e a pregare lo Spirito Santo, nostra guida alpina, perché ci conduca sul sentiero dell’ascolto. Abbandoniamoci a Lui perché, se saremo tutt’orecchi per la Parola di Dio, lo saremo anche per i fratelli e le sorelle che hanno bisogno di consolazione. Maria, Vergine del silenzio e Madre dell’ascolto, ci sia modello in questo cammino di conoscenza sempre più profonda del Signore che ci parla.

Maria Chiara

pubblicato sulla Gazzetta d'Asti

43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti