9 ottobre 2020 - venerdì della XXVII settimana del T.O.

Lc 11, 15-26 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, [dopo che Gesù ebbe scacciato un demonio,] alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo.

Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull'altra. Ora, se anche Satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.

Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.

Chi non è con me, è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde.

Quando lo spirito impuro esce dall'uomo, si aggira per luoghi deserti cercando sollievo e, non trovandone, dice: "Ritornerò nella mia casa, da cui sono uscito". Venuto, la trova spazzata e adorna. Allora va, prende altri sette spiriti peggiori di lui, vi entrano e vi prendono dimora. E l'ultima condizione di quell'uomo diventa peggiore della prima». Parola del Signore.


... è giunto a voi il regno di Dio.

Il Vangelo di oggi mi fa riflettere su quanto sia facile ingannarsi, quanto è difficile distinguere, discernere il bene dal male anche per chi conosce approfonditamente la legge di Dio.

Come si può scambiare Gesù per un collaboratore del capo dei demoni? Come fare a non vedere la bontà e l’amore con cui Gesù annuncia il Regno di Dio, guarisce i malati, scaccia i demoni? Come non riconoscere i frutti buoni che crescono sul suo albero? Quanti segni continuiamo a chiedere a Dio per essere confermati?

Perché non riusciamo a vedere che Gesù è l’amico, lo sposo della nostra anima e ci vuole salvare, liberare dal divisore, dai pensieri cattivi, da chi vuole legarci con le catene del peccato?

Eppure anche oggi a tante persone Gesù e la sua Parola non interessa: ci sono persone che scelgono di servire il male.

Io voglio seguire Gesù e se spesso cado, mi affido al suo amore che mi rialza. Lui solo mi ama e mi insegna ad amare i fratelli: ha dato la vita per me e la gioia che viene dal riconoscersi salvati infiammerà tutto il mondo!

Deo gratias!

Sr M.Chiara

19 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube