top of page

30 agosto 2022 - martedì della XXII settimana del T.O.

Lc 4, 31-37 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.

Nella sinagoga c'era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».

Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.

Tutti furono presi da timore e si dicevano l'un l'altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.

Parola del Signore.


«Taci! Esci da lui!».

Gesù parla con autorità e la sua parola è davvero come una spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, fino alle giunture e alle midolla, e discerne i sentimenti e i pensieri del cuore (Eb 4,12). Non ci si può nascondere davanti a questa Parola, pronunziata con un’autorità e una potenza senza pari. Se ne accorgono bene gli ascoltatori di Gesù che sono stupiti e meravigliati del suo insegnamento, ma anche spaventati. Infatti, tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?» (Lc 4,36). Essa è una parola viva, efficace, penetrante: tutto è nudo e scoperto davanti a lei, perché Colui che la pronunzia non è un uomo qualsiasi, un profeta, ma è il Figlio di Dio, il Logos del Padre, la Parola eterna che era in principio presso Dio, che era e che è. Perciò, la parola che Gesù pronunzia è una parola che viene dall’eternità, dal seno del Padre. Dice, infatti, Gesù: Le parole che hai dato a me io le ho date a loro. Essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato (Gv 17,8.14). E ancora: Io ho dato loro la tua parola e la tua parola è verità (Gv 17,17b).

Signore Gesù, insegnaci ad accogliere con docilità la tua Parola, parola che può salvare le nostre vite.

sr Marialuisa


24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page