21 agosto 2020 - venerdì della XX settimana del T.O.

Memoria di san Pio X, papa, che fu dapprima sacerdote in parrocchia e poi vescovo di Mantova e patriarca di Venezia. Eletto, infine, Pontefice di Roma, si propose come programma di governo di ricapitolare tutto in Cristo e lo realizzò in semplicità di animo, povertà e fortezza, promuovendo tra i fedeli la vita cristiana con la partecipazione all’Eucaristia, la dignità della sacra liturgia e l’integrità della dottrina.


I salmi accendono l’amore a Cristo perché sono come un quadro che presenta ben delineata l’immagine del Redentore. Giustamente dunque Agostino ne «sentiva in tutti i salmi la voce che esultava e che gemeva, che si allietava nella speranza o che sospirava la meta».

Dalla Costituzione Apostolica «Divino Afflatu» di san Pio X, papa

o.

Mt 22, 34-40 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, i farisei, avendo udito che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducèi, si riunirono insieme e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?».

Gli rispose: «"Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente". Questo è il grande e primo comandamento. Il secondo poi è simile a quello: "Amerai il tuo prossimo come te stesso". Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Parola del Signore.

Amerai...

“Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente” “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti”. (Mt 22,30ss).

Gesù ci insegna il comandamento dell’amore. Lui per primo lo vive: si è fatto uomo, è morto in croce. È risorto, per rivelarci l’amore del Padre che ama ciascuno di noi. “Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio Unigenito (Gv 3,16). Chi ama Dio, ama l’uomo.

S. Agostino scriveva: “Se ami il capo, ami anche le membra, se non ami le membra, non ami neppure il capo”. “Tutto quello che avete fatto al più piccolo dei miei fratelli, l’avete fatto a Me” (Mt25,40). Madaleine Delbrël diceva che l’amore donato da Dio deve ‘trapassarci’ e arrivare agli altri.

Maria, Madre di misericordia, ci insegni e ci guidi nel cammino dell’amore a Dio e ai fratelli.

Deo gratias!

Sr. Maria Antonietta.

24 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube