18 dicembre 2019 - mercoledì Feria di Avvento

Aggiornato il: mar 1


Mt 1, 1-17 Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa «Dio con noi». Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Giuseppe ... prese con sé la sua sposa.




























“Ecco la Vergine concepirà e partorirà un figlio, che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi. Il Natale del Signore ci fa volgere lo sguardo verso Colui che ha voluto venire in mezzo a noi per donarci vita, luce, speranza e salvezza. Tutto questo avviene perché si adempisse ciò che era stato annunciato dai Profeti, “il Salvatore nascerà dalla Vergine Maria”.

Una Vergine dà alla luce il figlio per la salvezza del mondo. Una Vergine dà alla luce la vita. Fin dal primo istante, quale essere vivente, Maria è solo grazia, luce e santità. Per mezzo di Lei, i viandanti ricevono la verità, perché per mezzo di Maria ci viene donata la luce della verità.

Speriamo di ottenere la vita della grazia qui in terra e nella gloria del cielo. “Guidaci o Madre con gli occhi tuoi pietosi, poiché siamo tuoi servi e in te abbiamo riposto tutta la nostra speranza”. Tu lo chiamerai Gesù: Egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati.


Sr M. Margherita






14 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube