top of page

10 agosto 2022 - mercoledì della XIX settimana del T.O.

Festa di san Lorenzo, diacono e martire, che, desideroso, come riferisce san Leone Magno, di condividere la sorte di papa Sisto anche nel martirio, avuto l’ordine di consegnare i tesori della Chiesa, mostrò al tiranno, prendendosene gioco, i poveri,

che aveva nutrito e sfamato con dei beni elemosinati. Tre giorni dopo vinse le fiamme per la fede in Cristo e in onore del suo trionfo migrarono in cielo anche gli strumenti del martirio. Il suo corpo fu deposto a Roma nel cimitero del Verano, poi insignito del suo

nome.


Il bel giardino del Signore, o fratelli, possiede non solo le rose dei martiri, ma anche i gigli dei vergini, l’edera di quelli che vivono nel matrimonio, le viole delle vedove. Nessuna categoria di persone deve dubitare della propria chiamata: Cristo ha sofferto per tutti.


Dai «Discorsi» di sant’Agostino, vescovo




Gv 12, 24-26 Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto.

Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna.

Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».


Parola del Signore.

... se il chicco di grano ...

Dice s. Agostino: “Il Signore ha voluto subire la morte per la nostra vita: siano dunque rese grazie al chicco di grano che ha voluto morire per moltiplicarsi!”.

Eccomi, manda me! E il Verbo si è fatto carne, è sprofondato nel solco della storia, nella nostra terra arida e senza acqua per ricoprirla di fiori e frutti, dice santa Faustina alludendo alla sua anima in un momento di prova.

Può Dio aver dimenticato la misericordia? Ed ecco, la Vergine concepirà e darà alla luce un figlio e grazie al sì di Maria, terra fertile, Dio ha fatto germogliare senza seme la spiga gloriosa della salvezza del mondo. E noi abbiamo ricevuto grazia su grazia. Siamo stati scelti per essere seguaci di Cristo, per condividere la sua luce e il suo amore e per portare frutti abbondanti attraverso la testimonianza delle opere buone che danno gloria al Padre dei cieli.

Preghiamo con s. Agostino: “Siano rese grazie a Dio, il Signore e salvatore Gesù Cristo, che si è degnato di subire la nostra morte per farci degni della sua vita …”

Ma io rivolgo a me stessa questa domanda: Tu che cosa fai per essere degna della sua vita e perché la sua parola sia viva ed efficace dentro di te e attorno a te? Comprendo e condivido la sorte del chicco di grano che ha voluto morire per moltiplicarsi? Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, porta molto frutto. Come reagisco di fronte alle difficoltà, alle prove della vita? Accetto con fede amore il suo invito? “Chi vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda ogni giorno la sua croce e mi segua?”

“Mio Dio, donami la fede, la fede vera, la fede pratica, la fede che fa entrare il Vangelo nella vita” (Charles de Foucauld)

Sr. M. di Gesù Bambino

26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page