6 giugno 2020 - sabato della IX settimana del T.O.

Mc 12, 38-44 Dal Vangelo secondo Marco


In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».

Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo.

Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».


Parola del Signore.


... questa vedova, così povera ...

Oggi il Vangelo ci dona di contemplare Gesù che posa lo sguardo su una povera vedova mentre getta il suo "tesoro" nel tesoro del tempio. Ella, infatti, gettando due monete, getta tutto quello che ha per vivere. Vorrei soffermarmi su questo sguardo di Gesù, che in mezzo a tante altre cose, a tante richieste della gente, anche di chi come in questa settimana vuole metterlo alla prova, trova il tempo di osservare quello che gli accade intorno, penetra nella realtà che lo circonda, perchè è vivo, vive dello Spirito Santo e nulla gli sfugge. Questa vedova, quindi svantaggiata perchè sola, senza marito, ci dona un grande esempio di abbandono in Dio, giacché non tiene per sé quelle monetine, ma le offre al Tempio. Possiamo oggi allora fare qualche atto di affidamento alla Provvidenza che sempre ci guida: possiamo godere dell'esempio e dell'intercessione del Santo Cottolengo, che dell'affidamento alla Provvidenza ha fatto il centro della sua vita.

Soleva dire: "La Provvidenza non manca, questo è di fede!". Crediamolo anche noi con tutto il cuore, e Gesù sicuramente non potrà non essere contento di noi, perchè Lui è venuto proprio per farci conoscere questo Padre buono e Provvidente. Buona Festa con la Santissima Trinità!

Sr Anna Maria

22 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube