12 giugno 2021 - sabato della X settimana del TO

Memoria del Cuore Immacolato della beata Vergine Maria: serbando nel proprio cuore la memoria dei misteri di salvezza compiuti nel suo Figlio, ne ha atteso con fiducia il compimento in Cristo.


Beato il cuore della Vergine Maria che, avendo in sé lo Spirito e godendo del suo insegnamento, rimaneva docile alla volontà del Verbo di Dio!

Maria non era mossa da un suo sentimento o da proprie voglie, ma sentiva esternamente le vie della fede che la sapienza le suggeriva interiormente. E veramente si addiceva a quella Sapienza divina, che si costruisce a propria abitazione la casa della Chiesa, di servirsi di Maria santissima per inculcare l'osservanza della legge, la norma dell'unità e l'esigenza dell'offerta spirituale.

Dai «Sermoni» di san Lorenzo Giustiniani, vescovo


Lc 2,41-51 (dalla memoria)

Dal Vangelo secondo Luca

I genitori di Gesù si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo la consuetudine della festa. Ma, trascorsi i giorni, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendo che egli fosse nella comitiva, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti, e sua madre gli disse: «Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo». Ed egli rispose loro: «Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?». Ma essi non compresero ciò che aveva detto loro. Scese dunque con loro e venne a Nàzaret e stava loro sottomesso. Sua madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore.

Parola del Signore.

«Figlio, perché ci hai fatto questo? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo».

Oggi la liturgia ci fa celebrare la memoria del Cuore Immacolato di Maria perchè Maria custodiva tutto nel suo cuore.

"Maria custodiva e meditava la Parola nel suo cuore" Lc 1,29.

E sono "beati quelli che ascoltano la Parola di Dio e la custodiscono nel cuore" Lc 12,28.

Maria è colei che è tutta in ascolto completamente aperta alle chiamate del Signore, anche quando non capiva.

Figlio perchè ci hai fatto questo?

Ecco, tuo Padre ed io angosciati ti cercavamo... Perchè mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio? ... Ma essi non compresero... sua Madre custodiva tutte queste cose nel suo cuore.

Tanto ha amato, tanto Maria ha patito nel suo cuore, sempre infatti amore e dolore si corrispondono quando si vede soffrire l'essere amato.

E Gesù l'ha voluta accanto a sè sulla Croce per darcela come Madre di misericordia.

Mettiamo Maria nel nostro cuore e mettiamoci nel suo cuore pregando:

"Maria, Madre mia dammi un cuore nuovo,

plasmato secondo il tuo cuore, un cuore umile, mite, pacifico,

ripieno di amore di Dio e del prossimo,

obbediente alla Parola del tuo Gesù".

"Per me dopo Dio, so chi devo amare: è la mia Madre, è la vostra Madre, è la Madre di tutti gli uomini; se sapeste quanto la Madonna è dolce e graziosa! E' per lei che abbiamo Gesù; è per lei che riceviamo le grazie; se non fosse di questa buona Madre che ne sarebbe di noi poveretti? " (S.G. Cottolengo)

sr M. Emanuela



18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti