1 agosto 2020 - sabato della XVII settimana del T.O.

Memoria di Sant’Eusebio, primo vescovo di Vercelli, che consolidò la Chiesa in tutta la regione subalpina e per aver confessato la fede di Nicea fu relegato dall’imperatore

Costanzo a Scitopoli e poi in Cappadocia e nella Tebaide. Ritornato otto anni più tardi nella sua sede, si adoperò strenuamente per ristabilire la fede contro l’eresia ariana.

Patrono della Regione pastorale piemontese





Mt 14, 1-12 Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo al tetrarca Erode giunse notizia della fama di Gesù. Egli disse ai suoi cortigiani: «Costui è Giovanni il Battista. È risorto dai morti e per questo ha il potere di fare prodigi!».

Erode infatti aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo. Giovanni infatti gli diceva: «Non ti è lecito tenerla con te!». Erode, benché volesse farlo morire, ebbe paura della folla perché lo considerava un profeta.

Quando fu il compleanno di Erode, la figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode che egli le promise con giuramento di darle quello che avesse chiesto. Ella, istigata da sua madre, disse: «Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista».

Il re si rattristò, ma a motivo del giuramento e dei commensali ordinò che le venisse data e mandò a decapitare Giovanni nella prigione. La sua testa venne portata su un vassoio, fu data alla fanciulla e lei la portò a sua madre.

I suoi discepoli si presentarono a prendere il cadavere, lo seppellirono e andarono a informare Gesù.

Parola del Signore.


Costui è Giovanni il Battista. È risorto dai morti ...

La narrazione della morte del Battista, colui che segue Gesù precedendolo di un passo, è il preannuncio della Passione di Gesù. Il mistero di Gesù scambiato per il Battista è il memoriale che la Chiesa celebra nell'Eucarestia. Saper riconoscere il Cristo vivo e presente in mezzo a noi. Perchè il male è al centro della vita, ogni uomo ne fa esperienza in sè e negli altri, nel segreto della sua coscienza, credente o non credente che sia. Ma c'è anche la possibilità che il male divenga occasione di crescita, di bene, di santificazione personale. Questo Vangelo dice che la testa di Giovanni Battista venne portata su un vassoio alla fanciulla ed ella la portò a sua madre. Ma i discepoli andarono a prendere il corpo e lo seppellirono e andarono a informare Gesù, che continua oggi la sua vita di Salvatore dell'umanità, fino all'effusione del Sangue.

Sr. M. del Buon Consiglio


17 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube