top of page

7 gennaio 2023 - sabato 2a settimana del tempo di Natale

Mt 4, 12-17. 23-25 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:

«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,

sulla via del mare, oltre il Giordano,

Galilea delle genti!

Il popolo che abitava nelle tenebre

vide una grande luce,

per quelli che abitavano in regione e ombra di morte

una luce è sorta».

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».

Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì. Grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.


Parola del Signore.


Il popolo che abitava nelle tenebre vide una grande luce...

Dopo che Giovanni fu arrestato, proprio da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino» (Mt 4,17). Gesù inizia così il suo ministero e lascia Nazareth, sua patria, per andare a stabilirsi a Cafarnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali (cfr. Mt 4,13). Ci ricorda quello che, un giorno ormai lontano, Dio aveva detto ad Abramo: Vattene dalla tua terra, dalla tua parentela e dalla casa di tuo padre, verso la terra che io ti indicherò (Gen 12,1), e per fede Abramo obbedì partendo per un luogo che doveva ricevere in eredità, e partì senza sapere dove andava (Eb 11,8).

E Gesù parte, lascia la sua terra e la sua casa, e percorre tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori (Mt 4,24). E grandi folle cominciarono a seguirlo…. Vedendo le folle, Gesù ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore (Mt 9,36). E disse loro: Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro (Mt 11,28). Poiché tutti quelli che si rifugiano all’ombra delle mie ali, li guarirò da ogni sorta di malattie e di infermità e li disseterò al torrente delle mie delizie (cfr. Sl 36,8-9).

Sì, o Signore, tu sei vicino a chiunque ti invoca, appaghi il desiderio di quelli che ti temono, ascolti il loro grido e li salvi. Beato chi in te si rifugia.

sr Marialuisa



0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare

Mit 0 von 5 Sternen bewertet.
Noch keine Ratings

Rating hinzufügen
bottom of page