top of page

3 aprile 2024 - mercoledì dell'ottava di Pasqua

Lc 24, 13-35

Dal Vangelo secondo Luca


Ed ecco, in quello stesso giorno, [il primo della settimana], due [dei discepoli] erano in cammino per un villaggio di nome Èmmaus, distante circa undici chilometri da Gerusalemme, e conversavano tra loro di tutto quello che era accaduto.

 Mentre conversavano e discutevano insieme, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo. Ed egli disse loro: «Che cosa sono questi discorsi che state facendo tra voi lungo il cammino?». Si fermarono, col volto triste; uno di loro, di nome Clèopa, gli rispose: «Solo tu sei forestiero a Gerusalemme! Non sai ciò che vi è accaduto in questi giorni?». Domandò loro: «Che cosa?». Gli risposero: «Ciò che riguarda Gesù, il Nazareno, che fu profeta potente in opere e in parole, davanti a Dio e a tutto il popolo; come i capi dei sacerdoti e le nostre autorità lo hanno consegnato per farlo condannare a morte e lo hanno crocifisso. Noi speravamo che egli fosse colui che avrebbe liberato Israele; con tutto ciò, sono passati tre giorni da quando queste cose sono accadute. Ma alcune donne, delle nostre, ci hanno sconvolti; si sono recate al mattino alla tomba e, non avendo trovato il suo corpo, sono venute a dirci di aver avuto anche una visione di angeli, i quali affermano che egli è vivo. Alcuni dei nostri sono andati alla tomba e hanno trovato come avevano detto le donne, ma lui non l'hanno visto».

 Disse loro: «Stolti e lenti di cuore a credere in tutto ciò che hanno detto i profeti! Non bisognava che il Cristo patisse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?». E, cominciando da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.

 Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: «Resta con noi, perché si fa sera e il giorno è ormai al tramonto». Egli entrò per rimanere con loro. Quando fu a tavola con loro, prese il pane, recitò la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. Ma egli sparì dalla loro vista. Ed essi dissero l'un l'altro: «Non ardeva forse in noi il nostro cuore mentre egli conversava con noi lungo la via, quando ci spiegava le Scritture?».

  Partirono senza indugio e fecero ritorno a Gerusalemme, dove trovarono riuniti gli Undici e gli altri che erano con loro, i quali dicevano: «Davvero il Signore è risorto ed è apparso a Simone!». Ed essi narravano ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane.


Parola del Signore.


Lode a Te o Cristo.



Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. Ma i loro occhi erano impediti a riconoscerlo.

Oggi vediamo i due discepoli di Emmaus conversare tra loro, ragionare, parlarsi addosso cercando di interpretare i fatti appena avvenuti a Gerusalemme, cercando soprattutto di farsi una ragione della perdita del Maestro che li ha lasciati nella tristezza e nella costernazione di fronte alla grave perdita.

Quante volte può accadere anche a noi di cercare a tutti i costi di spiegare razionalmente fatti dolorosi ed inspiegabili avvenuti nella nostra vita: morti, malattie, difficoltà economiche, difficoltà relazionali di fronte alle quali ci sentiamo impotenti, impossibilitati a risolvere certi problemi. Ragionare sui fatti dolorosi avvenuti a volte è comportarsi come quegli insetti che sbattono contro un vetro, attirati dalla luce non si accorgono dell'ostacolo invisibile e si ostinano a sbattere le ali contro la parete trasparente. Senza un intervento esterno(qualcuno che apra la finestra), è impossibile che riescano a superare l'ostacolo.

Don Fabio Rosini afferma : "a monte dell’infelicità non c’è l’oggettività dei fatti concreti, quanto  la lettura di quei fatti. Rifiutando i “no” la tristezza genera automaticamente un rapporto distorto con il tempo. Si rimpiange il passato- vagheggiando sulle cose e sulle persone perse, sugli obiettivi non raggiunti- oppure ci si proietta sul futuro idealizzando le ipotesi; così la felicità è sempre situata in un luogo passato ormai irraggiungibile, oppure in un altrove di utopia.

Infatti a monte dell’infelicità non c’è l’oggettività dei fatti concreti, quanto una certa lettura di quei fatti.

I fatti sono comunque nelle mani della Provvidenza; ma le interpretazioni possono patire l’influsso del maligno. Dio è Onnipotente , Creatore del cielo e della terra, le cose vengono da Lui; quando interpretiamo le cose può agire in noi lo Spirito santo, ma può agire anche il maligno."

I due discepoli che incontriamo oggi nel vangelo di Luca sono aiutati da Gesù stesso, tramite le parole della scrittura a dare un'interpretazione del dolorosissimo avvenimento della sua Passione che non li faccia più restare fermi, bloccati e con il volto triste.

dopo avere incontrato Gesù ascoltato la sua parola, dopo essersi cibati del suo pane, tutto cambia, si alzano e li immaginiamo correre nella notte, tornando in fretta a Gerusalemme per portare il più gioioso degli annunci: LUI è RISORTO!

BUONA PASQUA A TUTTI!

Gesù stesso parlando al nostro cuore ci risusciti dalle tristezze, dai blocchi, dalle paure facendoci passare alla vita nuova, alla pace, alla gioia!

Suor Maria Bruna

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page