28 febbraio 2020 - Venerdì dopo le Ceneri

Mt 9, 14-15 Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».


Parola del Signore.


... lo sposo sarà loro tolto ...

Il Vangelo di oggi parla di digiuno che, insieme alla preghiera e all'elemosina , costituisce un esercizio penitenziale della Quaresima, fin dall'inizio della vita della Chiesa. (Cf Catechismo della Chiesa Cattolica 1434).

Gesù davanti ai farisei dice dei suoi discepoli che non hanno motivo di digiunare: lo Sposo, cioè Lui stesso, è con loro, ma quando sarà loro tolto digiuneranno. E' un riferimento al venerdì santo, alla Passione di Gesù, quando il nostro Signore che ha assunto anche la nostra morte, venne strappato visibilmente ai suoi, per incominciare poi con la risurrezione, la stagione della fede e della speranza. Questa stagione è quella della nostra vita quotidiana di credenti: ogni giorno ci è data la gioia della presenza del Signore, la grazia di rinnovarci nello Spirito, ma ogni giorno sperimentiamo che "nella speranza siamo salvati" (Rm 8,24): il dono della salvezza ci è dato nella fiducia in Lui, nella perseveranza nelle prove, nella pazienza nella sofferenza. In un certo senso ogni giorno possiamo banchettare con lo Sposo alla mensa del suo Corpo e della sua Parola e nello stesso tempo ogni giorno siamo chiamati ad esercitare la nostra speranza, viviamo una dimensione di digiuno, di rinuncia. Siamo creati per una realtà più grande, per Dio stesso, per essere riempiti da Lui e il nostro cuore è troppo stretto. Dice S. Agostino: supponi che Dio ti voglia dare del miele, se nel tuo cuore c'è dell'aceto dove lo metterai? Il digiuno ci aiuta a svuotarci e non solo quello di cibo, ma di immagini, di rumori, di notizie, di parole. Lo Spirito Santo ispiri ognuno in questo bellissimo cammino.

Buona Quaresima.

sr Maria Daniela

14 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube