27 ottobre 2020 - martedì della XXX settimana del T.O.

Lc 13, 18-21 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami».

E disse ancora: «A che cosa posso paragonare il regno di Dio? È simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».

Parola del Signore.

crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami...

Come il lievito fermenta tutta la farina così voi carissimi potete portare al vostro prossimo una “Parola” di vita, di conforto, di speranza.

L’odierno Vangelo ci dimostra come Dio non sceglie i grandi, i potenti, per rivelare i “Misteri del Regno”, ma sceglie i piccoli. In questa piccola schiera cerchiamo di trovarci anche noi. Gesù ha detto: «Voi siete il sale della terra», «una città posta sul monte non può restare nascosta... ».

Siamo noi, carissimi, consapevoli del tesoro che Dio ha nascosto nella nostra vita? Sappiamo di essere chiamati a comunicare questa forza divina al nostro ambiente, a lievitarlo con la vita di Dio?

Crediamo nell’efficacia dei nostri sforzi, anche se molto umili, poco appariscenti e minati dalla nostra debolezza e peccabilità? È la potenza della vita di Dio che opera nella nostra piccolezza.

Sr M. Margherita

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti