top of page

26 ottobre 2022 - mercoledì XXX settimana TO

Lc 13, 22-30 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».

Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.

Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: "Signore, aprici!". Ma egli vi risponderà: "Non so di dove siete". Allora comincerete a dire: "Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze". Ma egli vi dichiarerà: "Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!". Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.

Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».

Parola del Signore.

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme.

E' bello cercare di vedere, o d'immaginare, Gesù che passa, camminando verso Gerusalemme, e porta salvezza, una parola di incoraggiamento, un ammonimento. Gesù è seguito dai suoi discepoli, i suoi amici, ma và... và a Gerusalemme dove con la passione e morte ci salverà.

Non possiamo vantare l'amicizia con lui se non dopo che abbiamo fatto ciò che ha fatto lui prima di noi. Questo andare a Gerusalemme allora sia anche il nostro cammino, insieme, con il passo umile di Gesù, figlio di Dio.

Deo gratias!

sr M. Chiara

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page