top of page

26 giugno 2023 - lunedì della 12a settimana Tempo Ordinario

Mt 7, 1-5 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi.

Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: "Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio", mentre nel tuo occhio c'è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello».


Parola del Signore.


Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello...

La nostra disordinata natura è incline a giudicare gli altri: e il nostro giudizio diventa facilmente una condanna. E proprio per questo che Gesù ci richiama: a non giudicare, per non essere a nostra volta giudicati; perchè col giudizio con cui giudichiamo saremo giudicati.

E aggiunge ancora: Con la misura con la quale misurate sarete misurati! Chi vuole da Dio indulgenza, misericordia e un giudizio generoso, deve avere da parte sua indulgenza, misericordia e un giudizio largo nei riguardi del prossimo.

Occorre sempre rimettere a Dio ogni giudizio poichè solo lui conosce la mente e il cuore (cfr. Ger 17,10).

Dice S. Giovanni Climaco, un monaco del VI secolo: tra le vie che conducono al perocno dei peccati la più breve è il non giudicare: "se non giudicate non sarete giudicati". Anche, se tu vedessi uno commettere peccati in punto di morte, non devi condannarlo, il giudizio di Dio è ignoto agli uomini.

Signore Gesù insegnaci ad amare, come tu ci hai amato mettendo sempre la misericordia prima del giudizio.

sr M. Margherita

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page