25 settembre 2019 - mercoledì XXV settimana TO

Aggiornato il: feb 16

Nel monastero della Santissima Trinità a Mosca in Russia, san Sergio di Radonez, che, dopo aver condotto vita eremitica in foreste selvagge, abbracciò la vita cenobitica e, eletto egúmeno, la propagò, mostrandosi uomo mite, consigliere di príncipi e consolatore dei fedeli.


Lc 9, 1-6 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù convocò i Dodici e diede loro forza e potere su tutti i demòni e di guarire le malattie. E li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi. Disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, né sacca, né pane, né denaro, e non portatevi due tuniche. In qualunque casa entriate, rimanete là, e di là poi ripartite. Quanto a coloro che non vi accolgono, uscite dalla loro città e scuotete la polvere dai vostri piedi come testimonianza contro di loro». Allora essi uscirono e giravano di villaggio in villaggio, ovunque annunciando la buona notizia e operando guarigioni.

Parola del Signore.

Non prendete nulla per il viaggio...

“Convocò i Dodici e diede loro forza e potere … e li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi …” Gesù convoca i dodici, li chiama a Sé e dà loro forza e potere sui demoni e di guarire gli infermi. E li manda. Li manda in povertà e semplicità, perché la loro ricchezza e sapienza è Gesù. Lui devono annunciare e portare. “Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che io vi comando”. (Mt 28, 19-20). “Strada facendo, predicate … guarite risuscitate … purificate … scacciate …. (Mt 10,7-8). “Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo” (MT 28,20). “Ecco, io vi mando” (Mt 10,20).

Nella preghiera, chiediamo a Maria di sostenere coloro che annunciano la Buona Novella del Vangelo, di riscaldare il cuore di chi accoglie l’annuncio, di chi lo ha già accolto e di chi forse lo ha un po’ dimenticato.

sr M. Antonietta


6 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube