25 maggio 2020 - lunedì della VII settimana di Pasqua

Gv 16, 29-33 Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t'interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».

Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l'ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me.

Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Parola del Signore.


Abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!

“Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio, io ho vinto il mondo”.(Gv 16,33)

C’è un detto di una Madre del deserto che dice : “Lottate per entrare attraverso la porta stretta. È come per gli alberi: se non passano attraverso gli inverni e le piogge, non possono dare frutti. Così anche per noi, il secolo presente è l’inverno” (Amma Teodora).

Padre Adalberto Piovano, commentando questo detto, dice: “Per dare il suo frutto, un albero deve accettare di passare tutte le stagioni, ben sapendo che ognuna di esse è necessaria per portare a compimento il processo di maturazione. Anche l’inverno, quando gli alberi sono spogliati delle foglie, quando devono affrontare i rigori del freddo e le piogge, coopera a questo processo.

Le tribolazioni e le prove sono per noi come l’inverno: la loro presenza nella nostra vita, così come la presenza dell’inverno nel ciclo delle stagioni sembra senza senso, se non addirittura negativa… ma solo così un albero spoglio è pronto per rivestirsi di nuove gemme, di foglie, di frutti”.

È difficile accettare e vivere la tribolazione, che alle volte prende anima e corpo. In questi casi non si sa dove e a che cosa aggrapparsi. Gesù ci dice: ”abbiate coraggio: io ho vinto il mondo”. Solo il Suo Spirito e gli altri ci possono aiutare ad affrontare le tribolazioni. Da soli rimaniamo spogli in un eterno inverno.

Vieni, Spirito Santo, e sostienici nell’ora della prova!

sr M. Benedetta

21 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube