top of page

24 gennaio 2023 - martedì della III settimana del T.O.

Memoria di san Francesco di Sales, vescovo di Ginevra e dottore della Chiesa: vero pastore di anime, ricondusse alla comunione cattolica moltissimi fratelli da essa separati, insegnò ai cristiani con i suoi scritti la devozione e l’amore di Dio e istituì,

insieme a santa Giovanna di Chantal, l’Ordine della Visitazione; vivendo poi a Lione in umiltà, rese l’anima a Dio il 28 dicembre e fu sepolto in questo giorno ad Annecy.


La devozione deve essere praticata in modo diverso dal gentiluomo, dall’artigiano, dal domestico dal principe, dalla vedova, dalla donna non sposata e da quella coniugata. Ciò non basta; bisogna anche accordare la pratica della devozione alle forze, agli impegni e ai doveri di ogni persona.

Dalla «Introduzione alla vita devota» di san Francesco di Sales, vescovo



Mc 3, 31-35 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, giunsero la madre di Gesù e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano».

Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».


Parola del Signore.


... costui è per me fratello, sorella e madre ...

Gesù ci considera suoi fratelli, sorelle e madre. I discepoli sono i suoi veri parenti. Fra di essi si distingue Maria, che ha sempre fatto la volontà di Dio. Comunque, la risposta di Gesù è dura, in un ambiente come quello giudaico, in cui la parentela era tutto. Che il Signore ci aiuti ad assimilare questa parola e a comportarci da suoi veri discepoli, ora e in ogni giorno della nostra vita, per meritarci davvero questo elogio.

sr. M. Angela

32 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti