24 dicembre 2020 - giovedì della IV settimana di Avvento - Vigilia del S. Natale del Signore

Lc 1, 67-79 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Zaccarìa, padre di Giovanni, fu colmato di Spirito Santo e profetò dicendo:

«Benedetto il Signore, Dio d'Israele,

perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi un Salvatore potente

nella casa di Davide, suo servo,

come aveva detto

per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici,

e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri

e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,

di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia

al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo

perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza

nella remissione dei suoi peccati.

Grazie alla tenerezza e misericordia del nostro Dio,

ci visiterà un sole che sorge dall'alto,

per risplendere su quelli che stanno nelle tenebre

e nell'ombra di morte,

e dirigere i nostri passi

sulla via della pace».

Parola del Signore.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo...

Benedetto il Signore, Dio di Israele, così inizia il Cantico che l'evangelista Luca pone oggi in bocca a Zaccaria, il padre di Giovanni Battista.

Siamo forse più abituati a chiedere a Dio o ai suoi rappresentanti la benedizione, piuttosto che a benedire noi, a nostra volta il Signore. A Lui non serve che noi lo benediciamo... (I nostri inni di benedizione non accrescono la sua Gloria), benedire Dio fa bene a noi, perché ci pone nella giusta posizione davanti a Lui, Lui è grande, è Santo, noi siamo sue creature limitate e fragili.

Noi siamo i suoi figli, Lui è per noi Padre misericordioso, nel Vangelo si dice che Dio ha fatto misericordia ai nostri padri e che grazie alle sue viscere di misericordia ci visiterà il sole che rischiara ogni notte, il Signore ci promette anche una piena liberazione dai nemici, ci assicura che potremo servirlo, seguirlo senza paura.

Stiamo vivendo una notte della storia umana, il Natale quest' anno è sicuramente diverso. Non potremo riunirci in famiglia, tra amici. Questa povertà di relazione ci aiuti ad avvicinarci alla povertà di Betlemme, come ha detto papa Francesco nell’udienza di mercoledì 16 dicembre: « Vorrei esortare tutti ad “affrettare il passo” verso il Natale, quello vero, cioè la nascita di Gesù Cristo. Quest’anno ci attendono restrizioni e disagi; ma pensiamo al Natale della Vergine Maria e di San Giuseppe: non furono rose e fiori! Quante difficoltà hanno avuto! Quante preoccupazioni! Eppure la fede, la speranza e l’amore li hanno guidati e sostenuti. Che sia così anche per noi! Ci aiuti anche – questa difficoltà – a purificare un po’ il modo di vivere il Natale, di festeggiare, uscendo dal consumismo: che sia più religioso, più autentico, più vero.».

“Mentre un profondo silenzio avvolgeva tutte le cose e la notte era a metà del suo corso, la tua parola onnipotente scese dal cielo” ecco le parole del libro della Sapienza che ascolteremo nella liturgia in questi giorni.

Crediamo che in questa notte della storia Dio si farà presente con la sua bontà misericordiosa come luce di speranza.

Buon Natale a tutti.

Sr Maria Bruna



25 visualizzazioni0 commenti
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube