23 settembre 2020 - mercoledì della XXV settimana del T.O.

Memoria di san Pio da Pietrelcina (Francesco) Forgione, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, che nel convento di San Giovanni Rotondo in Puglia si impegnò molto nella direzione spirituale dei fedeli e nella riconciliazione dei penitenti ed

ebbe tanta provvidente cura verso i bisognosi e i poveri da concludere in questo giorno il suo pellegrinaggio terreno pienamente configurato a Cristo crocifisso..


Molto giustamente si può affermare che ogni anima destinata alla gloria eterna è costituita per innalzare l’edificio eterno. Un muratore che vuole edificare una casa innanzi tutto deve ben ripulire le pietre che vuole usare per la costruzione. Cosa che ottiene a colpi di martello e scalpello. Allo stesso modo si comporta il Padre celeste con le anime elette, che la somma sapienza e provvidenza fin dall’eternità ha destinate ad innalzare l’edificio eterno.

Dalle lettere di san Pio da Pietrelcina, sacerdote


Lc 9, 1-6 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù convocò i Dodici e diede loro forza e potere su tutti i demòni e di guarire le malattie. E li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi.

Disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, né sacca, né pane, né denaro, e non portatevi due tuniche. In qualunque casa entriate, rimanete là, e di là poi ripartite. Quanto a coloro che non vi accolgono, uscite dalla loro città e scuotete la polvere dai vostri piedi come testimonianza contro di loro».

Allora essi uscirono e giravano di villaggio in villaggio, ovunque annunciando la buona notizia e operando guarigioni.

Parola del Signore.

... li mandò ad annunciare il regno di Dio ...

San Benedetto definisce il monastero: la scuola del servizio divino. Se la nostra vita, cari amici, diventa offerta, sacrificio di lode, cambia totalmente. A partire dall'Eucarestia, noi diventiamo, lungo la giornata, come un vaso che ha ricevuto un profumo prezioso e molto intenso. Se l'Eucarestia si diffonde nella mia vita, la mia vita esplode di VITA, della vita di Gesù, e la realtà cambia perchè cambio io! Allora essi uscirono e giravano di villaggio in villaggio, annunciando la buona notizia e operando guarigioni. Se diventiamo persone che dimenticano i torti, che promuovono le doti dei fratelli, del marito, della suocera ... che non badano solo a quello che si fa ma per chi lo si fa. Se non ci sentiamo il centro del mondo, ma sappiamo ridere di noi e non facciamo tragedie per un piccolo sgarbo, se a imitazione di Gesù non ci lasciamo rattristare dall'invidia, allora diventiamo per Sua Grazia persone che sanno custodire il segreto della "perfetta letizia", per annunciare e diventare testimoni del Suo Amore.

Buona giornata!

Sr. M. Barbara

20 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube