22 gennaio 2020 - mercoledì II settimana TO

Mc 3, 1-6 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù entrò di nuovo nella sinagoga. Vi era lì un uomo che aveva una mano paralizzata, e stavano a vedere se lo guariva in giorno di sabato, per accusarlo. Egli disse all'uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati, vieni qui in mezzo!». Poi domandò loro: «È lecito in giorno di sabato fare del bene o fare del male, salvare una vita o ucciderla?». Ma essi tacevano. E guardandoli tutt'intorno con indignazione, rattristato per la durezza dei loro cuori, disse all'uomo: «Tendi la mano!». Egli la tese e la sua mano fu guarita. E i farisei uscirono subito con gli erodiani e tennero consiglio contro di lui per farlo morire. Parola del Signore.


«Tendi la mano!»

Gesù disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: Alzati, vieni qui in mezzo!... Tendi la mano! Egli la tese e la sua mano fu guarita (Mc 3,3.5b).

Gesù mostra qui la sua divina compassione verso l’uomo, superiore alla legge che prescrive il riposo nel giorno di sabato.

Fissiamo lo sguardo del nostro cuore su di Lui, che è la bontà stessa e chiediamogli di donarci un cuore nuovo purificato da ogni farisaico legalismo e aperto alla tenerezza e alla compassione verso ogni fratello bisognoso.

Sr M. Liliana

16 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube