top of page

21 settembre 2023 - giovedì della 24a settimana Tempo Ordinario

Festa di san Matteo, Apostolo ed Evangelista, che, detto Levi, chiamato da Gesù a seguirlo, l'asciò l'ufficio di pubblicano o esattore delle imposte e, eletto tra gli Apostoli, scrisse un Vangelo, in cui si proclama che Gesù Cristo, figlio di Davide, figlio di Abramo, ha portato a compimento la promessa dell'Antico Testamento.


Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: "Seguimi" (Mt 9, 9). Vide non tanto con lo sguardo degli occhi del corpo, quanto con quello della bontà interiore. Vide un pubblicano e, siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: "Seguimi". Gli disse "Seguimi", cioè imitami. Seguimi, disse, non tanto col movimento dei piedi quanto con la pratica della vita. Infatti " chi dice di dimorare in Cristo, deve comportarsi come lui si è comportato " (1 Gv 2, 6).

Dalle "Omelie" di san Beda il Venerabile, sacerdote



Mt 9, 9-13 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.

Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».

Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: "Misericordia io voglio e non sacrifici". Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».


Parola del Signore.


"Misericordia io voglio e non sacrifici"

Il Vangelo di oggi mi dà molta speranza!

Il testo dice: "Gesù vide un uomo, chiamato Matteo".

Gesù non vede un pubblicato, un esattore delle imposte, un pubblico peccatore, un riccone, un venduto ai romani... come avrei fatto noi: Egli vede un uomo.

Per Dio siamo sempre uomi e donne, figli amati e carissimi, nonostante i nostri guai, gli errori, le nostre scelte sbagliate, gli smarrimenti.

Matteo, poi, è stupendo. Gesù lo invita e lui si alza subito e lo segue.

Mi ha sempre colpito il fatto che non ha titubanze, non pensa di lasciare i conti a posto o delegare qualcuno a continuare. Non dice, adesso non posso proprio...

Quante contraddizioni, freni e esitazioni nelle mie risposte e invece trovo semplicità e libertà nella risposta di Matteo.

Gesù poi siede a mensa con gli amici di Matteo. Compie un tuffo nella umanità smarrita e oppressa, con lo stesso desiderio ardente con cui è sceso nelle nostre ferite nell'incarnazione, nel battesimo e ancora più profondamente e definitivamente nella discesa agli inferi. Questo è lo stesso desiderio con cui Lui si dona a noi ogni giorno nell'Eucaristia, egli vuole cenare con noi, addirittura si fa' nostro nutrimento per tirarci fuori dalla tristezza del peccato e della solitudine.

Deo gratias!

sr M. Chiara

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page