20 maggio 2020 - mercoledì della VI settimana di Pasqua

Aggiornato il: mag 22


Gv 16, 12-15

Dal Vangelo secondo Giovanni


In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.

Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.

Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Parola del Signore.


... lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità ...

Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso (Gv 16,12).

Alla vigilia della sua Passione, Gesù incoraggia con grande amore i suoi discepoli, impauriti e “spiazzati” di fronte alla piega che stanno prendendo gli eventi.

Non ve l’ho detto dal principio, perché ero con voi. Ora però vado da colui che mi ha mandato. Anzi, perché vi ho detto questo, la tristezza ha riempito il vostro cuore (Gv 16,4-6). Ma quando verrà lui, il Consolatore, lo Spirito della verità che il Padre invierà nel mio nome (cfr. Gv 14,25), vi guiderà a tutta la verità e sarà lui ad insegnarvi tutte queste cose e a ricordarvi tutto ciò che vi ho detto, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future (Gv 16,13).

Lo Spirito, infatti, viene in aiuto alla nostra debolezza, perché noi non sappiamo né cosa chiedere nella preghiera né come chiederlo, ma lo Spirito stesso intercede per noi con gemiti inesprimibili; e colui che scruta i cuori sa che cosa desidera lo Spirito, perché egli intercede per i santi secondo i disegni di Dio (cfr. Rm 8,26-27).

Nello Spirito Santo il Cristo risorto si fa presente, scrive il patriarca Atenagora, il vangelo si fa potenza e vita, l’agire umano è deificato. Per questo ti preghiamo: Signore Gesù, manda ancora il tuo Spirito e tutto sarà rinnovato.

Sr. Marialuisa

29 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube