2 dicembre 2019 - lunedì 1° settimana di Avvento

Aggiornato il: mar 1

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò». Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di' soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch'io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: "Va'!", ed egli va; e a un altro: "Vieni!", ed egli viene; e al mio servo: "Fa' questo!", ed egli lo fa». Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall'oriente e dall'occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

Parola del Signore.

In Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande!

Il Vangelo di oggi è per noi motivo di speranza per molti aspetti.

Innanzitutto il centurione è un pagano che va da Gesù a chiedere la guarigione di un servo e Gesù è colpito dalla sua fede. Il centurione crede che Gesù sia un subalterno, come lui, e quindi la sua parola sia autorevole, perché compie ciò che vuole il Padre.

Gesù dice: verranno da oriente e da occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe. Come a dire: verranno popoli diversi che per la fede riceveranno la vera adozione a figli di Dio e potranno partecipare della felicità del Regno.

Ma anche le parole dette dal centurione sono per noi motivo di gioia.

Egli dice: “Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma dì soltanto una parola e il mio servo sarà guarito”.

Sono le stesse parole che la Chiesa ci fa pregare prima di ricevere la Comunione: “O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma dì soltanto una parola ed io sarò salvato”.

Noi mangiamo il corpo e beviamo il sangue di Gesù, la cui sola parola è capace di salvare il servo del centurione. Che cosa potrebbe compiere in noi la sua presenza, se avessimo un po’ di fede?

Sr M. Chiara





20 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube