19 maggio 2020 - martedì della VI settimana di Pasqua

Aggiornato il: mag 22


Gv 16, 5-11

Dal Vangelo secondo Giovanni


In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Ora vado da colui che mi ha mandato e nessuno di voi mi domanda: "Dove vai?". Anzi, perché vi ho detto questo, la tristezza ha riempito il vostro cuore.

Ma io vi dico la verità: è bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paràclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi.

E quando sarà venuto, dimostrerà la colpa del mondo riguardo al peccato, alla giustizia e al giudizio. Riguardo al peccato, perché non credono in me; riguardo alla giustizia, perché vado al Padre e non mi vedrete più; riguardo al giudizio, perché il principe di questo mondo è già condannato».

Parola del Signore.


... il Paraclito ...lo manderò a voi ...

“È bene per voi che io me ne vada, perché, se non me ne vado, non verrà a voi il Paraclito; se invece me ne vado, lo manderò a voi”. Gv 16,7

Attraverso la lettura del Vangelo di Giovanni, che in questi giorni ci accompagna, ci disponiamo a celebrare domenica la solennità dell’Ascensione.

Gesù prepara i suoi al distacco da Lui e a ricevere lo Spirito Santo, che sarà con loro sempre (cfr Gv 14,17). Il Padre ha mandato il Figlio, ora il Figlio invia lo Spirito. È come se ognuno facesse posto all’altro. Il Padre ci ha mandato il Figlio e il Figlio ci ha fatto conoscere il Padre, il Figlio ci invia lo Spirito perché ci introduca sempre più profondamente nell’amore trinitario.

Pensavo che la vita è un lasciare per accogliere e che Gesù ci vuole donne e uomini liberi. Il Padre, che ci ama come figli, ci vuole rendere partecipi della libertà del Figlio, in Lui questa libertà è stata un camminare verso il dono della sua vita per amore. Questa parola“Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici”(Gv 15,13) forse potremmo anche esprimerla così: “Nessuno ha una libertà più grande di questa: donare la sua vita per amore”. Lo Spirito ci guida verso questa libertà, “l’amore di Cristo ci spinge” (2 Cor 5,14) in questa direzione. Sapremo noi assecondarli?

Vieni, Spirito Santo,

Spirito del Padre e del Figlio,

vieni Spirito di Amore

riempi la nostra vita del tuo Amore. Amen.

Sr. Chiara

0 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube