18 dicembre 2020 - venerdì della III settimana di Avvento

Mt 1, 18-24 Dal Vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.

Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

«Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio:

a lui sarà dato il nome di Emmanuele»,

che significa «Dio con noi».

Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

Parola del Signore.

... Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore ...

“Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito santo” (Mt 1,20ss).

In questo terzo giorno della “Novena di Natale”, la novena del cuore, il Vangelo ci parla di San Giuseppe, della sua vita, della sua docilità allo Spirito Santo , e della saggezza con cui affronta le situazioni della vita. In questa situazione, in cui Gesù entra nella sua vita. Dio chiede la sua collaborazione per custodire Maria e il Bambino che è generato in lei: “tu lo chiamerai Gesù”. Dio ha bisogno di una creatura per salvare tutta l’umanità. “Giuseppe, uomo giusto”, docile e obbediente, partecipa alla nostra salvezza con la saggezza del cuore e la fedeltà della vita. ‘Andiamo anche noi da Giuseppe’, per sperimentare la sua potente intercessione, in particolare in questo anno, 150° anniversario della sua proclamazione quale “Patrono della Chiesa Universale” che Papa Francesco gli ha dedicato con la lettera apostolica: ‘Patris corde’.(8 dicembre2020).

Invochiamo anche Maria, sua Sposa e Madre di Gesù, perché insieme ci accompagnino nel cammino verso il Natale del Figlio di Dio, Gesù, nostro Salvatore. Deo gratias!

Sr. Maria Antonietta

27 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti