16 febbraio 2021 - martedì della VI settimana del T.O.

Mc 8,14-21 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, i discepoli avevano dimenticato di prendere dei pani e non avevano con sé sulla barca che un solo pane. Allora Gesù li ammoniva dicendo: «Fate attenzione, guardatevi dal lievito dei farisei e dal lievito di Erode!». Ma quelli discutevano fra loro perché non avevano pane.

Si accorse di questo e disse loro: «Perché discutete che non avete pane? Non capite ancora e non comprendete? Avete il cuore indurito? Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite? E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Dodici». «E quando ho spezzato i sette pani per i quattromila, quante sporte piene di pezzi avete portato via?». Gli dissero: «Sette». E disse loro: «Non comprendete ancora?».

Parola del Signore.

E non vi ricordate, quando ho spezzato i cinque pani per i cinquemila, quante ceste colme di pezzi avete portato via?

Signore Gesù, donaci la tua luce, perchè attraverso il tuo spirito i nostri occhi sappiano vedere le meraviglie del tuo amore. I farisei, dopo la moltiplicazione dei pani, si misero a discutere tra diloro e volevano mettere alla prova Gesù pretendendo da Lui un "segno" e tendergli così un tranello.

"Se non vedete segni e prodigi voi non credete" aveva affermato Gesù in altre occasioni, ma purtroppo neanche i miracoli convincevano i cuori induriti e ostinati.

Se la tua Parola, o Signore, non è lampada ai nostri passi potremo conoscere le tue vie e camminare per i sentieri della tua verità e della tua giustizia?

Ma anche i tuoi discepoli, coloro cioè che tu avevi chiamato per associali alla tua missione di pastore e per rivelare loro i misteri del tuo Regno correvano il pericolo di condividere le cattive disposizioni dei farisei, infatti quando venne a mancare loro il pane si misero a discutere tra di loro dubitando di te e ignorando i segni e i prodigi da Te compiuti.

Per questo li ha richiamati e ammoniti per la loro cecità: "Non intendete e non capite ancora? Avete un cuore indurito... Avete occhi e non vedete, avete orecchi e non udite?".

Queste domande di Gesù rivolte ai tuoi discepoli non fanno forse riflettere anche noi? Non ci fanno prendere coscienza circa i nostri atteggiamenti e la nostra poca fede?

Non meritiamo il medesimo rimprovero rivolto ai discepoli di Emmaus: "stolti e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti" (Lc 24,25).

O Maria, Madre del Verbo, che in te ha preso carne mortale, insegnaci a custodire nel cuore la Sua Parola perchè negli eventi della vita sappiamo cercare nella fedeltà e nell'amore la volontà del Padre ed essere veri discepoli di Cristo tuo Figlio.

sr M. di Gesù Bambino

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti