top of page

15 giugno 2022 - mercoledì della XI settimana del T.O.

Mt 6, 1-6. 16-18 Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.

Dunque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».


Parola del Signore.

... profumati la testa ...

Da questo brano apprendiamo quanto sia prezioso agli occhi del Padre il nostro relazionarci con Lui che "vede nel segreto": è lo spirito, l'intenzione interiore del nostro agire cristiano, l'amore per Lui che devono muoverci.

Così fare l'elemosina, pregare, digiunare, non possono e non devono essere solo mere pratiche esteriori, ma espressioni di un grande amore per il Padre, custodite nel sacrario del nostro cuore, dove Egli ama dimorare.

Quanto più tutto sarà nel segreto, tanto più sarà spiritualmente fecondo, come offerta che sale a Lui gradita per i fratelli: Egli ci ricompenserà, ci assicura Gesù.

Signore, Padre, Figlio e Spirito Santo, ti ringraziamo perché ci doni la possibilità di dimostrare ai fratelli il nostro amore verso di loro attraverso l'elemosina, la preghiera e il digiuno. Conoscendo la nostra fragilità, ti chiediamo la grazia di non cadere nel fariseismo, ma di agire alla tua santa presenza, perché quanto facciamo per tuo amore sia custodito nei forzieri del Paradiso, là dove riceveremo la nostra ricompensa. Amen

Sr. M. Liliana


26 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page