15 febbraio 2021 - lunedì della VI settimana del T.O.

Mc 8, 11-13 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, vennero i farisei e si misero a discutere con Gesù, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.

Ma egli sospirò profondamente e disse: "Perché questa generazione chiede un segno? In verità io vi dico: a questa generazione non sarà dato alcun segno".

Li lasciò, risalì sulla barca e partì per l'altra riva.

Parola del Signore.

Perché questa generazione chiede un segno?

Mentre i farisei di quel tempo, chiedono a Gesù un segno dal cielo per metterlo alla prova... per noi oggi, eredi di segni, di esortaizioni e di insegnamenti che Gesù ci ha lasciato è da stolti pretendere un di più con l'atteggiamento di quei farisei.

Alla fine, quale è stata la risposta che Gesù ha dato loro? In verità io vi dico a questa generazione non sarà dato alcun segno.

Vedete carissimi, credere in Gesù significa rinunciare ad esigere... soltanto nella pura fede in lui. La fede vera, infatti, non solo va oltre i segni, ma sa anche rinunciare a essi.

Dio è presente ovunque e tanto più è presente attraverso Papa Francesco, segno credibile dell'amore del Padre. Non è vero che mancano i segni, manca forse, in noi, la purezza, la semplicità del cuore che ci permette di comprenderli.

Forse proprio per la nostra poca fede continuiamo ancora oggi a chiedere segni, in un mondo pieno di segni e prodigi, che chiedono solo di essere compresi alla luce della morte e risurrezione di Gesù.

Buona giornata

sr M. Margherita

14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti