top of page

12 gennaio 2024 - venerdì della 1a settimana del T.O.

Mc 2, 1-12

Dal Vangelo secondo Marco


Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone che non vi era più posto neanche davanti alla porta; ed egli annunciava loro la Parola.

 Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dove egli si trovava e, fatta un'apertura, calarono la barella su cui era adagiato il paralitico. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: "Figlio, ti sono perdonati i peccati".

 Erano seduti là alcuni scribi e pensavano in cuor loro: "Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo?". E subito Gesù, conoscendo nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: "Perché pensate queste cose nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire al paralitico "Ti sono perdonati i peccati", oppure dire "Àlzati, prendi la tua barella e cammina"? Ora, perché sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te - disse al paralitico –: àlzati, prendi la tua barella e va' a casa tua".

Quello si alzò e subito prese la sua barella, sotto gli occhi di tutti se ne andò, e tutti si meravigliarono e lodavano Dio, dicendo: "Non abbiamo mai visto nulla di simile!".


Parola del Signore.


Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone.

Che cosa è più facile? Dire ti sono perdonato i peccati oppure dire alzati e cammina?

Questa domanda di Gesù nasconde un tranello.

Non è facile né perdonare i peccati, né dire ad un paralitico di alzarsi e camminare.

Gesù sta parlando a persone che hanno appena compiuto un' azione difficile, non è stato facile caricare un malato su un lettuccio, trasportarlo in quattro, attraversare la folla per arrivare alla casa dove c'era Lui, scoperchiare il tetto e finalmente deporre ai suoi piedi l' amico impossibilitato a fare da sé.

Chiediamoci se sia stato davvero facile per Gesù raggiungerci per guarire le paralisi del peccato, passando attraverso la folla dei nostri pensieri orgogliosi, della nostre resistenze alla grazia.

Ciò che è impossibile all' uomo è possibile a Dio.

Lasciamoci aiutare dai fratelli, la loro sollecitudine, la loro preghiera, ci portino davanti al Signore Gesù, che ci perdona, ci guarisce e ci rialza.

A nostra volta portiamo in  preghiera i fratelli davanti a Gesù, smettendo di giudicare con durezza le loro mancanze.

Suor Maria Bruna 

22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page