12 gennaio 2021 - martedì I settimana del T.O.

Mc 1, 21-28 Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù, entrato di sabato nella sinagoga, [a Cafarnao,] insegnava. Ed erano stupìti del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come gli scribi.

Ed ecco, nella loro sinagoga vi era un uomo posseduto da uno spirito impuro e cominciò a gridare, dicendo: «Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!». E Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E lo spirito impuro, straziandolo e gridando forte, uscì da lui.

Tutti furono presi da timore, tanto che si chiedevano a vicenda: «Che è mai questo? Un insegnamento nuovo, dato con autorità. Comanda persino agli spiriti impuri e gli obbediscono!».

La sua fama si diffuse subito dovunque, in tutta la regione della Galilea.

Parola del Signore.

... erano stupiti del suo insegnamento ...

O Signore Gesù, nostro fratello e nostro Salvatore, Figlio di Dio, tu non ti vergogni di chiamarci tuoi fratelli e attraverso la tua morte e risurrezione ci guidi alla salvezza coronandoci di gloria e di onore perché, liberi dallo spirito immondo e posseduti dal tuo Spirito, possiamo cantare per sempre la tua vittoria.

Gesù ordina allo spirito immondo di uscire dall’uomo posseduto e usa le stesse parole che rivolse al vento e alla tempesta: “Taci!”

Tutti si chiedevano a vicenda: “Che è mai questo? Un insegnamento nuovo dato con autorità”. Se lo spirito immondo non tace, vano è l’insegnamento nuovo del Cristo, perché la Parola di Gesù è la sola che può svelare lo spirito del male e liberare gli uomini dalla sua influenza. “Le opere che io compio dimostrano che è il Padre che è in me a compierle e le parole che io dico con autorità non le dico da me” (Cfr. Gv 14,10)

“Nessuno si illuda di per se stesso, ogni uomo è satana; se è beato, è dono di Dio. Se togli il peccato, che rimane di tuo?” (S. Agostino)

“Le mie impotenze, i miei disgusti, le mie oscurità, le mie stesse colpe narrano la Gloria dell’Eterno” (J.H.Newman)

Perché l’autorità del Tuo Amore misericordioso e del tuo Sangue sparso sulla Croce e il tuo Spirito che grida "Abbà" nei nostri cuori, ha messo a tacere lo spirito del male.

Sr. M. di Gesù Bambino




30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube