11 maggio 2020 - lunedì della III settimana di Pasqua

Gv 14, 21-26

Dal Vangelo secondo Giovanni


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch'io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Gli disse Giuda, non l'Iscariòta: «Signore, come è accaduto che devi manifestarti a noi, e non al mondo?».

Gli rispose Gesù: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.

Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto».

Parola del Signore.


Se uno mi ama, osserverà la mia parola...

Se uno mi ama, osserverà la mia Parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui (Gv 14, 22-23).

Chi è da Dio ascolta la parola di Dio (G 8,47a).

Se uno osserva la mia parola non vedrà la morte in eterno (Gv 8,52a).

E io so che il suo comandamento è vita eterna (Gv 12,50a).

Come i Padre ha amato me, anche io ho amato voi (Gv 15,9).

Ascoltare significa ad un tempo percepire la parola di Gesù come parola del Pare, comprendere il gesto di Gesù come opera del Padre.

Dobbiamo nella fede saper comprendere tutto l’agire di Gesù come azione e amore di Dio. Per Giovanni tutta la vita e la morte di Gesù è trasfigurazione, cioè amore di Dio che si auto glorifica.

Con la passione sofferta per noi e la sua risurrezione la forma divina di Gesù ha permeato completamente la forma umana e l’ha resa trasparente nella sua funzionalità per l’amore (cfr. Hans Urs von Balthasar, in “La percezione della forma”, p. 629).

Signore Gesù, l’amore con cui ci hai amati fino alla fine, scorra nei nostri cuori, li consoli e li ricolmi di “speranza contro ogni speranza” in questi tempi difficili che stiamo attraversando.

Crediamo in Te, speriamo in Te, Ti amiamo. Amen.

Sr M. Liliana

15 visualizzazioni
LA NOSTRA RETE

Da quasi 2 secoli Cottolengo assiste in Italia e nel mondo 500 mila pazienti negli ospedali, 5mila bambini nei servizi educativi, più di 5mila disabili, anziani e senza fissa dimora a cui viene data accoglienza e oltre 130mila pasti gratuiti distribuiti.

INDIRIZZO

Monastero Cottolenghino Adoratrici del Preziosissimo Sangue di Gesù

Via del Santuario, 22

​Pralormo (TO) 10040 Italia

tel 0119481192

adoratrici@gmail.com

farebene.png

© 2019 Monastero Adoratrici Pralormo

  • YouTube