top of page

10 gennaio 2024 - mercoledì della 1a settimana del T.O.

Mc 1, 29-39

Dal Vangelo secondo Marco


In quel tempo, Gesù, uscito dalla sinagoga, subito andò nella casa di Simone e Andrea, in compagnia di Giacomo e Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli si avvicinò e la fece alzare prendendola per mano; la febbre la lasciò ed ella li serviva.

 Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta. Guarì molti che erano affetti da varie malattie e scacciò molti demòni; ma non permetteva ai demòni di parlare, perché lo conoscevano.

 Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava. Ma Simone e quelli che erano con lui, si misero sulle sue tracce. Lo trovarono e gli dissero: "Tutti ti cercano!". Egli disse loro: "Andiamocene altrove, nei villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!".

 E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demòni.


Parola del Signore.


Tutta la città era riunita davanti alla porta.

Nel Vangelo di oggi e in quello di domani, viene ripetuta almento 2 volte la parola subito.

Questa parola spiega l'urgenza con cui il Signore Gesù guarda all'uomo e a ciascuno di noi, bisognoso nel corpo e nell'anima di aiuto.

Con l'incarnazione Gesù è entrato nell'abisso della debolezza, della fragilità e viene a salvarci dal di dentro.

Non gli basta però andare da chi lo cerca: Egli vuole andare da tutti.

Egli è venuto per tutti, ma soprattutto per chi nella disperazione nemmeno lo conosce e lo cerca.

Chiediamo a Gesù che la nostra vita sia un piccolo segno che lo indichi, una freccia che indichi il vero Signore e Maestro. Deo gratias!

sr M. Chiara

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page